News

Segui gli aggiornamenti di Studio Gaeta, Consulenza del Lavoro

Mobbing sul lavoro: cosa fare?

28 febbraio 2020

Il mobbing sul lavoro è una forma di aggressione non fisica, che si reitera nel tempo, esercitata dal datore di lavoro oppure da lavoratori terzi nei confronti di un loro collega, con chiari intenti persecutori, diffamatori, discriminatori, in genere col fine di estromettere la vittima dall’azienda, tramite lo svilimento della persona, oltre che della sua professionalità, oppure attraverso l’emarginazione dalla collettività sul luogo di lavoro. Questi comportamenti, infatti, portano spesso a stress, colpendo e danneggiando la sfera psicofisica, la dignità e la professionalità del mobbizzato.

Il fenomeno del mobbing è presente nelle aziende sia ai livelli bassi che a quelli intermedi della gerarchia aziendale.

Quando si parla di mobbing?

Si è in presenza di mobbing quando:

  • Vi è una serie di atti ostili reiterati nel tempo, a danno della vittima.
  • Tali azioni sono volte a prevaricare o perseguitare la vittima.
  • Vi sono conseguenze importanti sull’equilibrio psicofisico della vittima.

Il mobbing si divide in due tipologie, a seconda di chi lo mette in atto:

  • mobbing verticale, appunto messo in atto dai superiori;
  • mobbing orizzontale, messo in atto dai colleghi di pari grado gerarchico.

Cosa fare quando si è la vittima

Il mobbing, purtroppo, porta spesso alle dimissioni del dipendente mobbizzato, proprio perché ancora non si sa come comportarsi.

In realtà denunciare il mobbing è possibile e, ad oggi, sono state tante le sentenze a favore di dipendenti mobbizzati, che hanno anche ottenuto il risarcimento del danno psicofisico causato dal mobbing.

Per denunciare il mobbing, va intrapreso un percorso che va per step.

Le prove

Prima di tutto è fondamentale raccogliere il maggior numero di prove possibili, atte a dimostrare il grave comportamento dei colleghi e/o datori. Una testimonianza da parte di altri colleghi di lavoro farebbe sicuramente comodo, ma attenzione a non far diffondere la voce che si sta cercando un testimone tra i colleghi per denunciare il mobbing: solo se si ha un collega veramente fidato, glielo si può chiedere in privato, altrimenti desistiamo, se si diffondesse la voce che stiamo cercando di raccogliere prove, i mobbers potrebbero far in modo di non darcene la possibilità.

Le prove vanno raccolte su carta, dove segnare ora e tipo di comportamento mobbizzante; poi anche mail, sms e altri messaggi vanno salvati e tenuti in una cartella a parte. Ricordiamo che vi è mobbing quando il comportamento è reiterato nel tempo.

Il mobbing deve generare un danno psicofisico, che va dimostrato anche davanti al giudice. Quindi bisognerà rivolgersi a dei medici affinchè attestino uno stato di salute particolare a seguito delle cattiverie subite. Ci si può rivolgere anche a strutture pubbliche, di cui il giudice terrà maggior conto rispetto a quelle private (che vengono pagate dal singolo).

Mai licenziarsi

Non diamo soddisfazione ai mobbers e cerchiamo di non perderci d’animo; organizzarsi a cercare, ordinare e organizzare le prove, va fatto con tutta la calma di questo mondo, cercare di dare comunque il massimo sul lavoro e, comunque, adempiere ai propri compiti è importante. Ferie e malattia vanno prese solo quando strettamente necessario.

Una volta raccolto tutto il materiale necessario, ci si può rivolgere alle autorità e presentare una denuncia, ancor meglio se assistiti da un buon avvocato di fiducia. Una volta che la causa sarà intentata e una volta dimostrato chiaramente il mobbing e il danno subìto, il giudice ordinerà un risarcimento a tuo favore.

Minuziosità e precisione

Non abbiamo intenzione di disincentivare a denunciare, ma è importantissimo ricordare che è necessario organizzare, ordinare e datare tutti i comportamenti mobbizzanti subiti. Se non si hanno delle prove schiaccianti e le angherie subite si limitano a poche occasioni, si può perdere la causa ed esporsi a ritorsioni, quali anche possibili querele per diffamazione.

Se hai voglia di porre qualche domanda per approfondire l’argomento, contattaci. Il nostro team di professionisti è a tua totale disposizione.