News

Segui gli aggiornamenti di Studio Gaeta, Consulenza del Lavoro

Sicurezza in ambiente di lavoro: adempimenti svolti dai datori di lavoro

26 aprile 2018

Grazie al Decreto Legislativo 81/2008 e quello successivamente introdotto, ovvero il D.Lgs 106/2009, sono stati inseriti una serie di nuovi articoli che riguardano la prevenzione ed il rischio del lavoro in azienda. Ciò comprende la partecipazione del datore di lavoro nell’adottare adempimenti e misure per prevenire e proteggere la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Quindi, all’interno dell’azienda deve essere proprio il datore di lavoro il primo a garantire tutto ciò, oltre che occuparsi dell’obbligo di mantenimento di questi livelli e non solo.
Egli, infatti, deve innanzitutto organizzare il lavoro dei dipendenti in modo da raggiunger gli obiettivi richiesti, ma soprattutto evitare che probabili e possibili pericoli si trasformino in veri e propri rischi per loro stessi. Nel fare tutto ciò deve adempiere ad un ulteriore obbligo, nonché quello di salvaguardare l’integrità psicofisica dei lavoratori cercando di eliminare, o ridurre al massimo, tutti i rischi in cui possono andare incontro e che può provocare loro dei danni più o meno importanti.

Oltre il datore di lavoro, anche i suoi equiparati dirigenti e preposti devono occuparsi di organizzare tutte le attività dei lavoratori, come stabilito dal “Testo Unico in materia di sicurezza”, e adottare tutte le misure per la tutela dei dipendenti. Inoltre, essi devono necessariamente informarli sui rischi a cui sono esposti, illustrando tutte le forme di prevenzione da dover attuare e insegnando loro l’utilizzo dei mezzi e degli strumenti di protezione.

In seguito a tutte queste responsabilità, il datore di lavoro deve far sì che tutti i macchinari, gli utensili e gli strumenti usati dai suoi lavoratori non presentino alcun pericolo per la loro integrità, quindi è importante che siano garantiti continui controlli e manutenzioni. Non a caso molteplici sono stati, in generale, gli episodi che hanno messo a repentaglio la vita dei lavoratori a causa di manutenzioni non avvenute regolarmente.

Tra i vari doveri è anche previsto vigilare e verificare il rispetto da parte dei dipendenti nei riguardi delle norme antinfortunistiche, quindi il datore deve sia garantirle e sia accertarsi che queste siano messe in atto in maniera corretta.

Dovrà poi occuparsi della valutazione di tutti i rischi, che riguardano la loro salute e sicurezza, per poi redigere un testo ufficiale definito come “Documento per la Valutazione dei Rischi”, o DVR: questo rappresenta un’attestazione di tutti gli atti di prevenzione e protezione che il datore di lavoro ha introdotto e garantito all’interno della sua azienda.